vetrina pasticceria ben allestita

Come allestire una vetrina (o un banco) di pasticceria, bar, focacceria in modo efficiente

Coma allestire una Vetrina (o un Banco) in modo Efficace?

Mangiare con gli occhi non è solo un semplice modo di dire.

Il Tutto è più della somma delle singole parti”

Come si rende irresistibile la Vetrina di una Pasticceria, di un Bar, di una Focacceria etc. etc.?

Per dare maggiore valore alle nostre Location, ma soprattutto una giusta esposizione dei nostri prodotti (pasticceria, torte, cornetteria, focacce etc etc) abbiamo bisogno di alcune competenze fondamentali che rendano unico lo scenario!

Ecco alcuni, tra i fattori principali:

DIMENSIONE

FORMA

COLORE

Tutto deve essere visibilmente scorrevole ed ORDINATO, in EQUILIBRIO, in sintesi devono creare un’ARMONIA.

 

Fortunatamente esistono tecniche già collaudate su come allestire una Vetrina, e un banco, per portarla da disordinata ad ordinata velocemente e senza il rischio di sbagliare, le esposizioni funzionali si dividono in ORIZZONTALI e VERTICALI.

come allestire una vetrina_banco di pasticceria disposizione vetrina

Insieme disordinato dal quale si distoglie lo sguardo perché il cervello umano ricerca sempre ordine ed equilibrio.

Esposizione ORIZZONTALE

Insieme ordinato con sequenza delle forme in verticale e colori in orizzontale. Le forme essendo verticali verranno percepite maggiormente.

Esposizione VERTICALE

Insieme ordinato con sequenza dei colori in verticale e forme in orizzontali. I colori, essendo verticali, verranno percepiti maggiormente.

Di seguito un test che riteniamo di particolare efficacia per la comprensione di questo concetto: IL TEST DELLE MARMELLATE.

Il Test ha prodotto il seguente risultato:

Esposizione A) con 24 gusti ha registrato 3% di vendite.

Esposizione B) con 6 gusti ha registrato il 30%di vendite.

il test delle marmellate

La visione della ripetizione del prodotto.

Nell’immagine di seguito potete comprendere i meccanismi che generano le vendite di impulso: i consumatori non potranno che desiderare quello che vedono maggiormente evidenziato nella forza ripetitiva di questa immagine, ovvero buoni dolci fatti con fragole e frutti di bosco.

In questo caso la ripetizione svolge la funzione di induttore psicologico all’acquisto, perché viene utilizzata in modo coerente con il prodotto e con le attese emozionali del cliente.

La ripetizione ha anche lo scopo di supportare le rotazioni. I prodotti che compaiono infatti in maniera massiva, sono quelli che hanno le maggiori Vendite.

I dettagli fanno davvero la differenza per potenziare l’unicità del Brand:

1) A dare maggiore impatto alle esposizioni sono certamente i prezzi: i caratteri della scrittura e la loro grandezza.

La chiarezza con cui si comunicano le informazioni, e quindi il carattere, così come il colore dello stesso Font, rappresentano piacevolezza e benessere, e guidano il consumatore, attraverso segnali come il grassetto, oppure l’evidenziazione, all’acquisto.

I colori Rosso, Blu, Nero sono i principali ed i più comuni, ma di recente anche il Verde rappresenta un colore in forte ascesa, in particolare quando si tratta di prodotti fitoterapici/veg/green.

2) Certamente le posizioni più strategiche restano all’altezza media del consumatore, diciamo tra 1,70 – 1,80 mt.

ripetizione torte

C’è un aspetto del Visual Merchandising che molti trascurano. Una vetrina, infatti, è una promessa che va mantenuta poi i due momenti: nel momento dell’acquisto e nel momento del consumo del bene acquistato.

Se promettiamo bene, dobbiamo mantenere “meglio”! Una vetrina non deve colmare un vuoto, deve mettere la ciliegina sulla torta. E questo presuppone che ci sia una torta (Identità) , un forno (Strumenti) ed un fornaio (Competenze)!

C’è una metafora che ci aiuta. Per fare ciò dobbiamo immaginare la vetrina come una medaglia: due facce, stesso corpo. Abbiamo una vetrina esterna: quella che vedono i “passanti” ed una vetrina “interna” che vedono coloro che entrano. Quest’ultima non è data dal “come” posiziono i prodotti nello spazio, ma da dove posiziono il mio business nella mente del mio cliente. Qui c’è in gioco l’identità del mio locale, la mia organizzazione, la mia visione: le mie competenze!

Se sugli scaffali e nelle vetrine indichiamo “il prezzo delle cose”, nella nostra vetrina interna dobbiamo far percepire “il valore delle cose”.

Se l’esposizione nello spazio è utile, l’esposizione corretta nella mente è fondamentale. Questo breve excursus, ci fornisce uno spunto di riflessione su un concetto da tutti molto utilizzato (spesso, in modo fuorviante): il concetto della qualità! È importante tenere in considerazione, quando parliamo di visual merchandising, il concetto della qualità, nella sua triplice dimensione, così come indicato nel modello sotto riportato:

soddisfazione cliente pasticceria, bar, ristorante

Se pensi che la tua Vetrina non sia ottimizzata per la Vendita richiedici subito una consulenza gratuita.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *